Crea sito

DOMUSTATION

DOMUSTATION blog per amanti della ps1

Domus On luglio - 14 - 2015

Pirateria e mercato videoludico

Mentre oggi elimino anche l’articolo di Command & Conquer su segnalazione della compagnia The Entertainment Software Association (ESA) mi chiedo se questo sia un bene per l’industria videoludica.

Ecco partiamo da alcune premesse:

Oggi il mercato dei videogiochi è in espansione, ogni anno vengono prodotti centinaia di giochi nuovi e inevitabilmente quelli meno recenti nel giro di pochi anni devono essere “digeriti” cioè vanno fuori produzione e subiscono una forte svalutazione.

Chi di voi lettori avrà portato un suo gioco, “usato pari al nuovo” , in uno dei tanti negozi dell’usato, sa benissimo di cosa sto parlando.

Prendiamo ad esempio la serie di Fifa , di cui ne esce un gioco all’anno :

Fifa 11 all’uscita era venduto a circa 59 euro, poi nel giro di 1 anno dall’uscita il suo costo è stato di 19,90 e infine già al terzo anno dall’uscita si poteva trovarlo solo come “usato” al costo di 4,90 .

Invece se un gioco di 3 o 4 anni fa lo porterete voi al negozio, non vi dovrete meravigliare se ve lo valuteranno 20 centesimi oppure 1 euro, sempre che sia munito di libretto d’istruzioni altrimenti neanche lo accetteranno….

Queste valutazioni non solo una regola standard, dipende anche da quanto un gioco è ricercato però in tantissimi casi è così .

(Alcuni giochi si svaluteranno tantissimo già dopo soli 4 mesi dall’uscita …)

Ogni gioco perde molto del suo valore commerciale in pochissimi anni.

Nel giro di 3 anni saranno già disponibili migliaia di giochi nuovi , considerando tutte le piattaforme, quindi dovranno vendere i “nuovi” e far sparire quelli meno recenti.

Vi lascio immaginare il valore commerciale di un gioco uscito da più di 10 anni… in pratica avrà valore solo per i collezionisti…

Tuttavia il collezionismo è un mercato a sè e non segue le regole dell’industria , inoltre dalla vendita di un gioco usato da parte di un collezionista privato , la software house che lo ha prodotto non riceve alcun compenso.

Dunque mi domando:

Se anche un videogioco molto vecchio non può essere distribuito neanche gratuitamente in forma di copia digitale , perchè la vendita di una copia originale usata, da parte di un collezionista privato , dovrebbe essere legale ?

Infatti le casa produttrici di videogames, (come specificato anche nel libretto d’istruzioni dei videogiochi), danno all’acquirente solo un diritto di utilizzo della copia stessa in proprio possesso.

Ne consegue che se il proprietaro del software resta chi lo ha sviluppato, solo chi ne possiede i diritti di proprietà può vendere qualcosa e tutti gli altri hanno solo un diritto di possesso e di mero utilizzo.

Ora senza estremizzare mi rendo conto che da poco hanno creato un nuovo mercato con la distribuzione di vecchi giochi su piattaforme come smatphone e tablet , tuttavia questo mercato basato sul retrogames esiste perchè per molti anni tanta gente come me gratuitamente, ha fatto conoscere ed apprezzare giochi vecchi che erano spariti dal commercio da decenni.

Alcuni dei giochi considerati ora da molti come bellissimi, in realtà erano quasi del tutto sconosciuti in Italia .
Basti pensare a Vandal Hearts 2, Suikoden 1 e 2, Koudelka, Vagrant Story, Xenogears, Legend of Legaia, Crhono Trigger e tanti altri di cui la gran parte dei videogiocatori in Italia non ne conosceva l’esistenza .

Si pensi ad esempio che sul PSN di recente è stata rilasciata la copia scaricabile (a meno di 5 euro) per Suikoden 1  e 2 in lingua inglese.

Bene, questo gioco uscito in Italia nel 1998 era rimasto quasi sconosciuto ed in pochi sapevano che esistesse anche la versione in lingua italiana di Suikoden 2 (non disponibile sul PSN , si può trovare solo qui).
Per non parlare poi dei tanti titoli rimasti sconosciuti nel resto del mondo come ad esempio Fuun Gokuu Ninden (che è meglio di Rayman 1) assieme ad altri usciti solo in Giappone e mai arrivati in Europa…

Questo Blog ha fatto conoscere, pubblicizzato e rivalorizzato tanti giochi scomparsi da anni ed è anche grazie a queste iniziative gratuite e spontanee che il retrogames ha acquistato interesse e valore .

L’era in cui la vera pirateria videoludica raggiunse la massima diffusione fu negli anni dal 1997 al 2004 quando venivano vendute le copie pirata ; ciò nonostante, quelli furono anche gli anni della massima espansione del mercato videoludico in cui le console ed i videogiochi entrarono in tutte le famiglie.

(In passato dal 1987 al 1996 un gioco poteva costare anche 200 mila lire , che per l’epoca erano come 200 euro di oggi se teniamo conto degli stipendi, inoltre non esisteva il mercato dell’usato perciò in pochi potevno permettersi un Sega Master System oppure una console Nintendo Family NES).

Tante cose sono cambiate, ad esempio gli emulatori che ora permettono di far giocare i giochi su pc , smatphone e tablet, per molti anni furono considerati un male per il mercato e si cercò di bloccarne la diffusione, vietando l’uso dei bios necessari al funzionamento… bene ora le stesse case madri hanno riconosciuto e si servono dell’uso di emulatori.

A riguardo Silent Hill nella sua versione ufficiale uscita per PC , altro non era che la iso cioè la copia presa dal cd della versione PSOne con all’interno l’emulatore epsxe nascosto e non visibile, con un falso eseguibile che faceva una falsa installazione del gioco, mentre in realtà configurava l’emulatore nascosto…

Cambiamenti anche per quanto riguarda le protezioni anticopia, che in passato venivano applicate in modo tale da rischiare a volte di rovinare il software del gioco ed allo stesso tempo venivano prodotti masterizzatori in grado di copiare anche i dischi protetti dalle stesse case che producevano console.

Chiudo il discorso rivolgendo una domanda ai “servizi” come The Entertainment Software Association (ESA) o come chi produce ed applica le “protezioni anticopia” :

Alla luce di quanto è successo negli anni, siete davvero sicuri che voi stiate aiutando l’industria videoludica e che siti sul retrogames come questo (che tratta solo giochi vecchi di 10 anni  o più)  siano un danno per questo settore ?

Categories: INFO

One Response

  1. Domus ha detto:

    Il blog non verrà aggiornato per un pò nel frattempo mi auguro che questo articolo aiuti a fare giuste riflessioni senza cadere nell’ipocrisia e tenendo conto di quelle che sono oggi le dinamiche del mercato sui videogames .

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.

Featured Posts

EDICOLA 19 SOLUZIONI PS2

EDICOLA 19 SOLUZIONI PS2

EDICOLA 19 SOLUZIONI PS2 in italiano anno 2003 PDF di Shinobi, Silent Hill 3, Socom, Syberia, X Men Wolverine’s revenge

edicola 18 soluzioni ps2

EDICOLA 18 SOLUZIONI PS2

EDICOLA 18 SOLUZIONI PS2 in italiano anno 2003 PDF di Blood Rayne, Clock Tower 3, Enter The Matrix, Pianeta del tesoro, Primal

EDICOLA 17 SOLUZIONI PS2

EDICOLA 17 SOLUZIONI PS2

EDICOLA 17 SOLUZIONI PS2 in italiano PDF di Metal Gear 2 Substance, Alone in the dark 4 the new nightmare, Dark Angel, Devil May Cry 2

edicola 16 soluzioni ps2

EDICOLA 16 SOLUZIONI PS2

EDICOLA 16 SOLUZIONI PS2 in italiano PDF di Ape Escape 2, Mortal Kombat Deadly Alliance, Splinter Cell 1, Tenchu 3 Wrath The Heaven

EDICOLA 15 PSX PARTE 2

EDICOLA 15 PSX parte 2 Tips Magazine anno 2001 soluzioni in PDF per Medal Of Honor 2, Spyro 3, Tony Hawk’s 2, Tekken Tag Tournament

EDICOLA 15 PSX PARTE 1

EDICOLA 15 PSX parte 1 Tips Magazine anno 2001 soluzioni in italiano scaricabili in PDF per Dino Crisis 2, Driver 2, Tenchu 2 e Vagrant Story

Search my site

Collegamenti rapidi